Human Rights Watch: inutili gli arresti per possesso di droghe leggere nella lotta alla criminalità.

Gli arresti per possesso di marijuana sono sostanzialmente inutili: è quanto rileva uno studio dell’organizzazione non governativa internazionale per la difesa dei diritti umani Human Rights Watch che ha monitorato per sette anni la posizione penale di 30mila abitanti di New York arrestati tra il 2003 ed il 2004 per possesso di un piccolo quantitativo di droghe leggere rilevando che solo il 3,4 per cento ha commesso negli anni successivi un crimine violento (di questi il 3,1 solo una volta e lo 0,4 hanno commesso più reati).
Secondo la politica adottata dal sindaco Bloomberg la polizia newyorchese ha arrestato tra il 1996 ed il 2011 circa 500mila persone per piccoli reati legati al possesso di droghe leggere, la maggior parte neri o ispanici, e secondo l’amministrazione comunale ciò ha aiutato a ridurre la criminalità ma l’Ong rileva che non si capisce in che modo possa essere successo.
Human Rights Watch fa notare che le percentuali di chi ha commesso un crimine violento tra gli arrestati per possesso di droghe leggere sono addirittura inferiori a tassi di condanna secondo altre variabili legate al sesso, alla razza ed all’età: paradossalmente ci sarebbero risultati maggiori nella lotta alla criminalità non concentrandosi su coloro che fanno uso di droghe leggere ma semplicemente procedendo ad arresti a caso tra i giovani, il gruppo che statisticamente ha più probabilità di commettere qualsiasi tipo di reato.

Jamie Fellner, consulente senior al programma americano di Human Rights Watch e co-autore del rapporto, afferma: «I nostri risultati confermano quelli di altri ricercatori che mettono in dubbio i vantaggi sulla sicurezza pubblica degli arresti di massa per il possesso di marijuana. I funzionari pubblici devono spiegare esattamente in che modo arrestare migliaia di persone ogni anno per possesso di marijuana riduca la criminalità violenta».
Secondo l’Ong c’è il sospetto che gli arresti avvengano su base razziale. Il 52 per cento degli arrestati nel 2011 sono neri nonostante siano solo il 28 per cento della popolazione della “grande mela”, il 32 per cento ispanici (che costituiscono il 28,8 per cento degli abitanti) e solo il 12 per cento bianchi che invece sono il 33,1 per cento della popolazione di New York.
In passato il governatore Andrew Cuomo aveva cercato di ottenere una nuova legislazione sul possesso di marijuana in pubblico con l’obiettivo di rendere il fatto come una sanzione amministrativa piuttosto che una sanzione penale ma il sindaco Bloomberg ed il commissario della polizia Raymond Kelly avevano difeso l’attuale normativa.
Human Rights Watch rileva che i risultati della ricerca sono coerenti con uno studio di Harry Levine, sociologo al Queens College, City University di New York, che dimostrava che la preponderanza di arrestati per possesso di marijuana non avessero riportato condanne penali. Un altro studio svolto dall’università di Chicago e da quella di Georgetown aveva messo in evidenza che non ci fosse nessun collegamento tra arresti per uso di droghe leggere e tasso di criminalità.

Le conseguenze sociali per coloro che sono arrestati per detenzione di piccoli quantitativi di droghe leggere sono rilevanti. Prima di tutto entrano in contatto con l’ambiente delle carceri che sono fonte di malattie sessuali e luogo di violenze sessuali: il tutto ovviamente a discapito della salute fisica e psicologica degli arrestati.
Successivamente, avendo la fedina penale macchiata per il reato di possesso di marijuana, hanno minori possibilità di trovare un lavoro, un appartamento in affitto o un mutuo: una spirale in cui rischiano di perdere anche la custodia dei figli.
Il danno personale si traduce facilmente in un costo sociale: perdita di posti di lavoro, disoccupazione cronica e minore possibilità di accedere alle assicurazioni sanitarie.
Secondo il procuratore distrettuale di Manhattan Cyrus Vance «Il danno personale di ognuna di queste persone e delle loro famiglie è grave ed è reale».
«Finché continuano arrestare persone per possesso di marijuana in pubblico facendogli pagare un prezzo pesante, i funzionari della città di New York devono al pubblico una spiegazione su come questi arresti contribuiscano alla sicurezza pubblica. Se questi arresti hanno benefici sul controllo della criminalità che superano i costi, i funzionari pubblici lo devono ancora rilevare», ha detto Issa Kohler-Hausmann, co-autrice della relazione e consulente di Human Rights Watch.
Solo nel 2010 la città di New York ha speso 75 milioni di dollari per arrestare persone in possesso di marijuana ottenendo risultati risibili nel controllo della criminalità. In Europa anche la polizia britannica aveva evidenziato in uno studio come fossero inefficaci le sanzioni penali nella lotta alla criminalità organizzata suggerendo di depenalizzare il consumo di droga ed usare i soldi risparmiati nell’arresto dei consumatori per la lotta alla criminalità organizzata, campagne di sensibilizzazione e terapie di trattamento per i consumatori di droghe.

https://alessandrocagliostro.files.wordpress.com/2012/09/alessandro_cagliostro_firma.jpg?w=300&h=57

Articolo pubblicato anche su
Cronache Laiche

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...