Il Regno Unito del Conservatore Cameron sulla strada di approvare il matrimonio per le coppie dello stesso sesso

David CameronAll’indomani del discorso dell’arcivescovo di Milano Angelo Scola secondo cui «il giudizio morale sulle leggi si è andato sempre più trasformando in un problema di libertà religiosa», il Regno Unito del conservatore David Cameron si sta avviando sulla strada di introdurre il matrimonio anche per le coppie dello stesso sesso.
La proposta di legge sarà annunciatà dal segretario alla Cultura Maria Miller la prossima settimana mentre arriverà in Parlamento a gennaio.
La principale novità consiste nella possibilità per le coppie omosessuali di sposarsi anche nei luoghi di culto qualora i sacerdoti delle diverse confessioni acconsentano: restano delle protezioni legali per quelle chiese, moschee e sinagoghe che non vogliono sposare coppie gay per motivi di fede.
Cameron ha scelto di non ascoltare il parere dei conservatori più tradizionalisti del suo partito e si preannuncia una battaglia in parlamento con almeno 130 conservatori che sono decisi a votare contro il piano: ovviamente aspra sarà la battaglia con la Chiesa anglicana e quella cattolica.
David Cameron ha detto: «Sono un grande sostenitore del matrimonio e non voglio che i gay siano esclusi da una grande istituzione. Ma lasciatemi essere assolutamente chiaro al cento per cento, se c’è qualche chiesa o una sinagoga o moschea che non vuole avere un matrimonio gay non sarà, assolutamente non deve, essere costretta a celebrarlo. Questo è assolutamente chiaro nella legislazione. Inoltre vorrei mettere in chiaro che si tratta di un voto libero per i membri del Parlamento, ma personalmente sarà chiaro che lo sosterrò».
Nel documento ufficiale di consultazione pubblicato a marzo si poteva leggere: «Il governo non sta cercando di cambiare il modo in cui le organizzazioni religiose definiscono il matrimonio religioso e in eventuali atti legislativi successivi sarebbe chiaro che nessuna organizzazione religiosa sarà in grado di celebrare una cerimonia religiosa del matrimonio in luoghi di culto per coppie dello stesso sesso».
La coalizione di maggioranza ha recentemente cambiato la legge per consentire quei gruppi religiosi che vogliono condurre cerimonie unioni civili per farlo: infatti i Quaccheri e gli Unitariani oltre all’ala liberale del giudaismo sostengono il matrimonio omosessuale. Ma il rabbino dottor Jonathan Romain, un rabbino leader del Movimento per la riforma dell’ebraismo, ha detto: «Questo non è solo è benvenuto ma è essenziale per l’integrità religiosa. Non riesco a concepire un dio che crea gli omosessuali ma poi vuole negare loro il diritto di cercare appagamento coniugale in un contesto religioso».
Questo cambiamento rispetto alla legge originaria si è reso necessario dal timore che un divieto totale di celebrare matrimoni religiosi sarebbe stato impugnato da quelle confessioni che ammettono il matrimonio anche per le coppie dello stesso sesso.
Il segretario alla Cultura Maria Miller ha detto che il governo aveva argomenti convincenti da gruppi come Quaccheri, Unitari ed Ebrei liberali che vogliono celebrare matrimoni per coppie dello stesso sesso: «È un punto fondamentale della libertà religiosa che gruppi religiosi dovrebbero essere in grado di prendere le proprie decisioni su questo tema. Per me, lungi dall’essere un cambiamento radicale, questo è semplicemente un altro di una lunga serie di riforme che hanno rafforzato il matrimonio, garantendo di rimanere un’istituzione moderna e vibrante».
L’attivista Benjamin Cohen di Out4Marriage ha detto: «Siamo contenti di sapere che il governo legifererà per introdurre piena parità nel matrimonio tra cui i matrimoni omosessuali celebrati dai ministri religiosi. La legislazione deve dare alle singole organizzazioni religiose la libertà di decidere autonomamente se celebrare i matrimoni omosessuali. Nessuno dovrebbe essere costretto a farlo ma coloro che lo desiderano devono avere il diritto di farlo».
La legislazione dovrebbe essere introdotta prima di Pasqua e potrebbe entrare in vigore circa un anno dopo con le prime cerimonie che si terranno probabilmente nella primavera del 2014.
Nel partito di Cameron alcuni parlamentari sono contrari all’introduzione del matrimonio omosessuale mentre altri hanno costituito un gruppo a sostegno del disegno di legge del primo ministro. Alcuni Tories tra cui Boris Johnson e Michael Gove hanno sfidato i tradizionalisti del partito realizzando un nuovo gruppo a sostegno del matrimonio gay. Il sindaco di Londra ed il segretario all’Educazione fanno parte di un un gruppo di circa diciannove personalità di alto livello che appoggiano iniziative volte a consentire i matrimoni dello stesso sesso nei luoghi di culto. Hanno aderito inoltre l’ex ministro degli Interni Nick Herbert, il segretario ai Trasporti Patrick McLoughlin, che è cattolico, il ministro degli Affari esteri Alistair Burt, un cristiano evangelico, gli ex ministri Tory Signore Fowler e Nicholas Soames e la leader dei conservatori scozzesi Ruth Davidson che è lesbica. In una lettera al Sunday Telegraph in cui annunciavano la formazione del gruppo, i diciannove hanno dichiarato: «Il matrimonio dovrebbe essere aperto a tutti, indipendentemente dalla sessualità. Ci rendiamo conto che le unioni civili sono state un importante passo avanti nel dare riconoscimento legale alle coppie dello stesso sesso. Ma unioni civili non sono matrimoni che esprimono un impegno particolare e universalmente comprensibile»
Il disegno di legge passerà facilmente alla camera dei Comuni anche a causa del sostegno schiacciante dei laburisti e dei liberaldemocratici mentre è probabile che l’opposizione sarà più serrata alla camera dei Lord.
La Conferenza Episcopale, che rappresenta la Chiesa cattolica in Inghilterra e Galles, ha dichiarato: «Restiamo fermamente contrari alla proposta del Governo di ridefinire il matrimonio. In questo momento esortiamo tutti coloro che si oppongono la proposta del governo di comunicare le loro osservazioni per i rispettivi membri del parlamento. La posta in gioco è il significato intrinseco del matrimonio e ciò che è meglio per la società nel suo complesso. Ridefinire il matrimonio è quindi una questione morale fondamentale che riguarda tutti».
David Cameron comunque ha ricevuto il sostegno anche dell’ex primo ministro John Major che ha elogiato il suo successore per la realizzazione di un «tentativo coraggioso e autentico per offrire sicurezza e comfort alle persone che – al momento – possono stare insieme ma si sentono ancora in disparte». Major ha aggiunto: «Noi viviamo nel 21° secolo e dobbiamo andare avanti: ogni coppia dovrebbe avere la possibilità e il diritto di formalizzare il loro rapporto. Capisco perfettamente che ci sono molti che troveranno questo questo difficile da accettare come le Chiese. Ma il Primo Ministro ha chiarito che le Chiese saranno liberi di prendere le proprie decisioni sulla celebrazione di questi matrimoni e questo è del tutto l’approccio giusto».

Articolo pubblicato anche su
Cronache Laiche

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...