I quotidiani italiani si accorgono dopo tre settimane dei dati sul matrimonio in Italia

I principali quotidiani italiani on line prendendo a riferimento la pubblicazione dell’Annuario statistico italiano di Istat hanno dato notizia dell’aumento delle nozze civili rispetto a quelli religiose. La Repubblica ha titolato “Istat, matrimonio: al Nord rito civile supera quello religioso” scrivendo che «Il matrimonio religioso resta la scelta più diffusa (60,2%) ma nelle regioni del Nord quello civile nel 2011 ha operato il sorpasso e prevale con il 51,7% rispetto al 48,3% di quello celebrato in chiesa». Il quotidiano del gruppo editoriale L’Espresso ha intervistato anche la sociologa Chiara Saraceno secondo cui «il matrimonio non è più un sacramento». Anche il Corriere della Sera ha dedicato spazio alla notizia titolando “Al Nord più nozze civili che religiose” e scrivendo che «Secondo l’annuario dell’Istat, in Italia ci si sposa sempre meno e si preferisce sempre più il rito civile a quello religioso». Il Fatto Quotidiano riporta che «Secondo l’annuario dell’Istat, in Italia ci si sposa sempre meno e si preferisce sempre più il rito civile a quello religioso».

Le edizioni cartacee dei giornali usciti in edicola il 19 dicembre dedicano molto spazio alla notizia. L’Unità apre con “Al Nord i matrimoni civili superano quelli religiosi”, su Repubblica si titola “I matrimoni civili superano quelli in chiesa” mentre sullo stesso giornale interviene Chiara Saraceno con un articolo intitolato “Sorpasso delle nozze civili, il Nord esce dalla chiesa”.
Anche il Messaggero dedica spazio alla notizia scrivendo che «per la prima volta, anche se solo al Nord, i matrimoni civili superano quelli religiosi» ed ospitando un’intervista a monsignor Fisichella secondo qui questa notizia è un «segnale preoccupante»; sullo stesso quotidiano interviene Franco Garelli con l’articolo “Quel sorpasso delle nozze civili cambia l’Italia”.
Conclude il Corriere della Sera che titola “Istat, al Nord più matrimoni civili” ed ospita un commento di Dario Di Vico ed un’intervista al teologo ed arcivescovo Bruno Forte.

Il declino dei matrimoni religiosi è certamente una notizia importante ma i nostri quotidiani italiani non sono stati molto pronti nel riportare il dato. Istat aveva già pubblicato questi dati addirittura il 28 novembre nel suo report per il 2011 sul matrimonio in Italia. In questo stesso blog avevamo dato ampio spazio alla notizia il giorno stesso della pubblicazione del report Istat con l’articolo “Istat: in Italia meno matrimoni, meno nozze in Chiesa, meno nascite, più coppie di fatto”, articolo pubblicato il 30 novembre anche sul quotidiano online Cronache Laiche.

Istat nell’Annuario statistico italiano raccoglie e sintetizza i risultati delle principali ricerche svolte e pubblicate nell’anno appena passato. Ovviamente per ogni ricerca svolta da Istat ci sono i singoli report e comunicati stampa reperibili facilmente online sul sito dell’istituto di statistiche. Se i giornalisti italiani fossero stati attenti alle ricerche pubblicate durante l’anno da Istat non avrebbero pubblicato la notizia del declino dei matrimoni religiosi con tre settimane di ritardo. Il Corriere della Sera, La Repubblica ed Il Fatto Quotidiano sono “quotidiani” proprio perché dovrebbero pubblicare le informazioni del giorno: una notizia vecchia di tre settimane come i dati Istat sui matrimoni civili e quelli religiosi forse non dovrebbe essere più di interesse di una fonte d’informazione che vuole essere, per l’appunto, quotidiana.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...