Referendum bolognese sui finanziamenti alle scuole private: “Tempi” di chiarirsi con l’Agesc.

Il risultato del referendum consultivo del comune di Bologna è noto: il Comitato Articolo 33 aveva indetto la consultazione per chiedere ai bolognesi se erano d’accordo nell’abolire il finanziamento pubblico alle scuole materne paritarie ed il 59 per cento dei votanti si è detto d’accordo nel concedere i finanziamenti pubblici solo alle scuole materne statali. L’affluenza – è opportuno dirlo – è stata particolarmente bassa: su 290mila aventi diritto sono andati a votare soltanto 85.934 (il 28,71 per cento).
Il referendum aveva solo valore consultivo e quindi non vincola l’azione dell’amministrazione comunale sebbene il sindaco Merola (Pd), che aveva invitato a votare ed ad esprimersi a favore del finanziamento alle scuole paritarie, ha così commentato: «Terremo conto del voto ma Bologna non deve rinunciare al sistema delle convenzioni» anche se «non possiamo ignorare la richiesta di scuola pubblica».
Non sono mancate le reazioni del mondo cattolico al risultato referendario di Bologna. Tempi titola: “Volevano fare di Bologna il laboratorio per mettere in crisi tutte le scuole paritarie. Hanno fallito” e, soffermandosi sulla scarsa partecipazione al voto, Emanuele Boffi scrive che «Contro le paritarie hanno votato, in sostanza, poco più del 15 per cento dei cittadini. Nemmeno 2 su 10» perciò, questa è la conclusione, gli attivisti referendari «hanno miseramente fallito su tutta la linea, non riuscendo a mobilitare se non i militanti del loro orticello, in una delle piazze più “di sinistra” di tutto il paese».
Difficile sostenere che gli astensionisti fossero a favore del finanziamento alle scuole paritarie (come è difficile sostenere anche il contrario) e si presuppone che gli astensionisti in sostanza “deleghino in bianco” chi invece decide di partecipare al voto.
È invece interessante sottolineare come – assieme ad un fronte per il “sì” – si fosse creato anche un coordinamento per il “no” a favore del finanziamento alle scuole materne paritarie e l’ipotesi “astensione” non era stata neanche presa in considerazione. Sempre come aveva riportato Tempi, a favore del finanziamento per le scuole materne paritarie si era mossa la Curia di Bologna con una lettera firmata dal vicario episcopale don Roberto Mastacchi ed indirizzata alle associazioni, movimenti e aggregazioni della diocesi: «È sotto gli occhi di tutti la portata che il comitato referendario intende dare alla consultazione del 26 maggio. Vogliono andare ben al di là della situazione bolognese per mettere in discussione un intero sistema. Vi invito a nome del cardinale Carlo Caffarra a informare e formare tutti i membri della vostra aggregazione». Il vicario episcopale precisava come fosse «importante non disertare questo appuntamento sostenendo chi si spende per la libertà scolastica e per una proposta educativa plurale e di valore, che rischia di essere compromessa da questo referendum». In sostanza la Curia di Bologna invitava esplicitamente a non disertare le urne ed a votare per il “no”.
Questo referendum ha messo ovviamente in profondo imbarazzo il Partito democratico che non escludeva l’ipotesi astensione: a tal proposito Tempi titolava “Vatti a fidare del Pd. A Bologna, per paura dei grillini, ora pensano di astenersi sul referendum anti scuole paritarie” scrivendo che il «Il Pd, contrario al referendum contro le scuole non statali sostenuto dalla sinistra e dal M5S, pensa di lasciare libertà di coscienza. Una mossa pilatesca sulla pelle di 1.700 bambini».
In ogni caso, sebbene Tempi (così come Repubblica e Corriere) scriva di «vittoria zoppa» è di tutt’altro avviso Roberto Gontero, presidente di Agesc (Associazione genitori scuole cattoliche) così come riporta il quotidiano dei vescovi italiani Avvenire che titola “Agesc: risultato negativo per tutto il Paese”. Questo è il commento di Roberto Gontero: «Il risultato del referendum tende a negare la libertà di educazione e la sussidiarietà, principi sanciti dalla Costituzione, e rappresenta una sconfitta delle famiglie e dei bambini bolognesi». Di certo una visione del risultato referendario molto più negativa di quella di Tempi.
Sul forte astensionismo Gontero ritiene che «ha costituito un fatto grave» ed aggiunge che «quanto emerso dalle urne ieri a Bologna evidenzia come il tema della libertà di educazione, evidentemente, non rappresenti un elemento di interesse per la maggioranza dei cittadini bolognesi, di qualunque estrazione». Di certo un’interpretazione dell’astensionismo ben diversa da quella di Emanuele Boffi su Tempi.
A questo punto la domanda da porre al mondo cattolico è semplicemente una: pensate che il risultato referendario di Bologna sia una sconfitta o una vittoria?

Annunci

2 pensieri su “Referendum bolognese sui finanziamenti alle scuole private: “Tempi” di chiarirsi con l’Agesc.

  1. alepiccia piccinini

    Art. 33
    “Enti e privati hanno il diritto di istituire scuole ed istituti di educazione, senza oneri per lo Stato.
    La legge, nel fissare i diritti e gli obblighi delle scuole non statali che chiedono la parità, deve assicurare ad esse piena libertà e ai loro alunni un trattamento scolastico equipollente a quello degli alunni di scuole statali.”
    Quale punto di questo articolo risulta così difficile da capire?

    Rispondi
  2. alepicci

    Art. 33
    “Enti e privati hanno il diritto di istituire scuole ed istituti di educazione, senza oneri per lo Stato.”
    Quale parte di questo articolo è così difficile da capire?

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...